“ATTIMI SOSPESI” la mostra del Maestro Leonardo Lucchi

 

luCCHi cartolina

 

 

  Ritornano gli appuntamenti con l’arte al Chiostro di San              Mercuriale

                 S.M.ART- San Mercuriale ART presenta

 la mostra “Attimi sospesi” di Leonardo Lucchi dal 3 Ottobre al    15 Novembre

 

Il Chiostro di San Mercuriale torna ad essere protagonista della vita
culturale  cittadina con la rassegna S.M.ART – San Mercuriale ART, una serie di iniziative artistiche ospitate nei suoi spazi  interni ed esterni, cominciata lo scorso anno con la mostra di Roberto Casadio.

Quest’anno la cornice del Chiostro ospiterà la mostra di Leonardo Lucchi “Attimi sospesi”, una selezione delle sue opere scelte personalmente dall’artista che sarà presente all’inaugurazione sabato 3 ottobre alle ore 17.30.

LEONARDO LUCCHI: nota biografica e curriculum artistico

 LEONARDO LUCCHI nasce il 9 dicembre 1952 a Cesena, dove ancora oggi vive e lavora. Studia all’Istituto d’Arte per la Ceramica di Faenza e si diploma nel 1970. Agli inizi della sua carriera artistica partecipa a diverse esposizioni collettive in cui riscuote subito i primi successi ed allestisce le sue prime mostre personali. È invitato a realizzare un grande Cristo Risorto e un’imponente Via Crucis nella Catholic Church di Singapore, mentre nella sua città lo vediamo protagonista nella realizzazione di importanti gruppi bronzei quali i monumenti a Don Carlo Baronio, a San Pio da Pietrelcina, a Madre Teresa di Calcutta e il San Giovanni Battista presso la Chiesa Cattedrale.

In più di trent’anni di attività artistica espone in diverse città italiane, a partire da Roma: Modena, Venezia, Firenze, Ferrara, Milano, Bologna, Palermo, Messina, Bari. È molto apprezzato in Francia, dove è spesso invitato ad esporre: St. Paul de Vence, Nancy, Grenoble, Poitiers, Annecy, Besançon e Toulouse sono solo alcune delle città che gli rendono omaggio. All’estero ha esposto inoltre a Londra, Parigi, Lussemburgo, Basilea, Ginevra, Gent (Belgio).

Nell’ultimo periodo realizza diverse opere pubbliche monumentali, tra le quali ricordiamo i gruppi scultorei dedicati ai caduti della Seconda Guerra Mondiale, collocati a Terni e Forlì, le fontane per la “Piazza della Vita” a Bolgare (BG), la scalinata con il gruppo bronzeo “Gli equilibristi”, i monumenti “La Bella di Cesena” e “La cavalla e il fanciullino” che rievoca la celebre poesia del Pascoli La cavalla storna oltre alla grande fontana “Acqua: fonte di bellezza”, posta all’ingresso della zona termale di Bagno di Romagna. Di recente realizzazione anche una Resurrezione per la Basilica di San Marino, ivi collocata in occasione della visita del Santo Padre Benedetto XVI.

Sue opere sono in esposizione permanente presso prestigiose gallerie in Italia, Francia e Regno Unito e sono ormai presenti in numerose collezioni private in tutto il mondo.

Il suo studio è situato nel cuore della città: qui l’artista intende offrire un luogo d’incontro e di scambio culturale ed umano accessibile a tutti, nel quale si respiri quell’aria carica di emozioni e sentimenti che è alla base di ogni ispirazione ed espressione artistica.

Tra le esposizioni artistiche più importanti si segnalano:

 1980 varie edizioni – Biennale giovani

  • 1991 Londra, Accademia delle Arti e delle Arti Applicate
  • 1991 Cesena, Galleria Ex-Pescheria
  • 1992 Venezia S. Marco, Studio D’arte Equus
  • 1994 Besançon, Galerie Des Quais
  • 1995 Saint Peray, Galerie Boucarut
  • 1995 Villeneuve Sur Lot, Galerie Gaiac
  • 1995 Saint Jean De Maurienne, IIième Biennale Européenne De Neiges
  • 1995 La Rochelle, Galerie Sanguine

 

1996

  • Perigueux, Château Des Izards
  • Roma, Galleria F. Russo “Sculture 1985-1995”
  • Belfort, Galerie du Vieux Belfort
  • Ferrara, Castello Del Verginese “25 Anni di scultura in Europa”
  • Veyrier Du Lac, Galerie Sylvie Platini
  • Milano, Via Montenapoleone “Le forme del fuoco”

 

1997

  • Angers, Hotel De La Ville, Salon d’Angers
  • Firenze, Basilica di S. Croce “Glorie di Tracia”
  • Cesena, “Esperienze e sperimentazioni: l’oro”

 

1998

  • Hardelot, Galerie Dupuis
  • San Marino, Piazzetta Del Titano
  • Beaune, Galerie Paul Lauer

 

1999

  • Le Mans, Galerie Des Remparts
  • Wiltz, Lussemburgo, Galleria Sandra Scherr
  • Toulouse, Galerie Alain Daudet

 

2000

  • Lyon, Galerie Célia Guedj
  • Forlì, Galleria Nuovo Segno
  • Hardelot, Galerie Dupuis «Le langage universel des émotions sculptées»
  • Lamballe, Collegiale Notre Dame 10ème exposition “Regards sur les arts”

 

  • 2002 Parigi, Galerie Ariel Sibony
  • 2002 Cesena, Palazzo Romagnoli “Quiete e movimento nel gioco degli equilibri”

 

  • 2005 Besançon, Galerie Cimaise Et Du Théâtre
  • 2006 Forlì, Tecnesa Oggetti d’autore “La forma e lo spazio”
  • 2008 Saint Paul De Vence, Galerie Douce Heure
  • 2008 Taormina, Fondazione Mazzullo “Forme in mostra”
  • 2009 Milano – Scultura e Design
  • 2010 Cholet, Château De La Barbinière Estiv art Galerie Henwood
  • 2011 Verona, Galleria D’arte L’incontro
  • 2011 Amelia (Pg), Chiostro Boccarini “Da Germanico ai bronzi sospesi…”

I lavori di Leonardo Lucchi sono esposti in questo periodo anche alla Galerie “Viviane Henwood” di Cholet, al Chateau della Romanerie di Angers, alla Salle Wagram di Parigi, alla Galerie “Vent Des Cimes” di Grenoble, alla Galerie Sainte Colombe di Saint Paul de Vence e alla Royal Opera Arcade Gallery di Londra.

 

 

 

Hanno scritto di lui:

 

Paola Mangia, Gustavo Cuccini, Silvia Pichi, Tommaso Magalotti, Raffaele De Grada, Marco Di Capua, Romano Pieri, Michele Fuoco, Anna Grazia Giulianelli, Renato Civello, Maurizio Marini.