NEWS LETTER ETICA SETTEMBRE 2016

 

LA RICORRENZA DI SETTEMBRE di Marco Viroli e Gabriele Zelli

90 anni si spegneva a Forlì Angelo Masini, il “Tenore angelico”

Angelo Masini nacque a Forlì il 27 novembre 1844, figlio di Stefano e Maria Zoli, a quel tempo non ancora coniugati. Secondo le leggi dello Stato pontificio, senza che padre e madre lo avessero abbandonato, il neonato fu dichiarato “esposto” a prescindere dall’effettiva notorietà dei genitori. A dicembre il piccolo fu dato in affidamento a una balia e, a febbraio dell’anno dopo, fu consegnato a Teresa Farneti, in una casa di San Martino in Strada, presso la quale visse per più di cinque anni.

Il 24 ottobre 1850 fu riconsegnato ai genitori, i quali nel frattempo (5 febbraio 1848) si erano regolarmente uniti in matrimonio.

Il padre, che lavorava come calzolaio, prese con sé il figlio a bottega per avviarlo al mestiere.

Nonostante tutto ciò, Angelo Masini divenne indiscutibilmente uno dei massimi tenori di tutti i tempi. Questo avvenne grazie all’intervento di un’insegnante forlivese, Gilda Minguzzi, soprano a fine carriera, che gli fece scoprire la sua vocazione, strappandolo dalla strada dove il giovane Masini faceva il ciabattino col soprannome di “Turchet”. In cinque anni appena, la Minguzzi riuscì a prepararlo, trasformandolo nel grande tenore che di lì a breve avrebbe calcato i palcoscenici di mezzo mondo.

In questo periodo Masini conobbe Annunziata Clabacchi, anch’ella di modestissime origini, che sposò il 13 ottobre 1864 e dalla cui unione nacquero Francesco (1865) ed Edgardo (1870).

Angelo Masini debuttò, nell’aprile del 1868, a Finale Emilia nella “Norma” di Vincenzo Bellini. Fu poi scritturato dal celebre impresario Scalaberni, con un contratto triennale che avrebbe dovuto iniziare con “La Favorita” al Comunale di Bologna. Il giovane Masini non seppe però vincere l’emozione di trovarsi al fianco di grandi artisti e per questo venne sostituito. Sconfortato si trasferì a Milano, dove si perfezionò alla scuola del baritono Francesco Massiani che gli fece riacquistare piena fiducia nelle sue capacità.

Si fece quindi notare a Bologna nel “Dom Sébastien” di Gaetano Donizetti. Nel 1874 riscosse grande successo a Firenze con l’”Aida” e l’anno seguente trionfò a Parigi, Londra e Vienna con il “Requiem” di Giuseppe Verdi nella tournee a cui prese parte. In Romagna cantò per la prima volta al Teatro Comunale di Forlì, nella primavera del 1882.

Per via della sua voce purissima fu soprannominato il “Tenore angelico”. Purtroppo non esistono registrazioni fonografiche della sua splendida voce, anche se innumerevoli testimonianze concordano nel descriverla mediamente potente ed estesa, essendo inoltre lievemente velata, riusciva ad assumere un timbro particolarmente dolce. Di lui soleva dire Giuseppe Verdi: “È la voce più divina che abbia mai sentito: è proprio come un velluto”.

Nel corso della sua lunga carriera collezionò un vastissimo repertorio di ruoli, in tutto all’incirca 107.

Dalla metà degli anni Settanta in poi Masini cantò raramente in Italia. Molto ammirato universalmente, calcò i più grandi teatri del globo, dall’Europa al Sud America. In particolare in Russia fu onorato della qualifica di cantante di corte e cantò per sedici stagioni a Mosca e per ventisette a San Pietroburgo.

I primi segni del declino iniziarono a manifestarsi intorno al 1895, tuttavia Masini si esibì ancora per un decennio. Salì sul palco per l’ultima volta nel 1905 a Parigi per interpretare “Il barbiere di Siviglia” di Gioacchino Rossini.

Dopo avere accumulato nel corso della sua carriera una vera e propria fortuna, amministrata con particolare attenzione, Masini si ritirò a Forlì in condizioni di grandissima agiatezza. Passionale ed emotivo sul palcoscenico, riservato e schivo nella vita privata, dedicò gli ultimi anni della sua vita ad atti benefici. Morì a Forlì il 28 settembre 1926. Nella città natale, grazie a un suo cospicuo lascito ereditario di cui beneficiò il Comune, venne fondato il Liceo musicale che, ancora oggi, porta il suo nome.

CON IL NASO ALL’INSÙ

A Forlì, al numero 24 di via Carlo Cattaneo, si trova la casa natale di Angelo Masini. Sulla grande lapide a lato della porta d’ingresso si legge:

IN QUESTO LUOGO DEL POPOLARE BORGO SCHIAVONIA / SULLE ALI DIVINE / DEGLI ANGELI MUSICANTI DEL MELOZZO / S’IMPERSONAVA NEL NOME DI / ANGELO MASINI / LO SPIRITO CELESTE DEL CANTO / FRA I MASSIMI TENORI DEL SUO TEMPO / VOCE SOVRANA DI PARADISIACA BELLEZZA / A IMPERITURA FAMA CONSACRATA / SULLE SCENE LIRICHE D’EUROPA E SUDAMERICA / REGALMENTE MUNIFICO ALLA CITTA’ E ALLA PATRIA / QUI NASCEVA IL 27 NOVEMBRE 1844 / I FORLIVESI / nel CLX dalla nascita

Sempre a Forlì, al numero 107 di corso della Repubblica, si trova il palazzo che fu dimora del tenore, recentemente restaurato su progetto dell’architetto Marcello Balzani.

Nel 1881 Masini si trasferì in questa residenza signorile di Borgo Cotogni che comprendeva anche gli orti retrostanti. L’edificio, originariamente composto da almeno quattro case a schiera, acquisì l’attuale conformazione unitaria proprio sul finire dell’Ottocento.

GLI EVENTI DI SETTEMBRE 2016

Di Marco Viroli e Gabriele Zelli

1-4 settembre

TERRA DEL SOLE: PALIO DI SANTA REPARATA

Da giovedì 1 a domenica 4 settembre 2016 a Terra del Sole si svolgerà la cinquantatreesima edizione del Palio di Santa Reparata. Chi entrerà nella medicea “Città Ideale” si ritroverà in pieno Rinascimento, scoprendo il volto più suggestivo di Terra del Sole, con gli stendardi del Borgo Romano e del Borgo Fiorentino che adorneranno i Castelli a guardia delle due Porte, i Palazzi di Piazza e le due contrade.

Per informazioni sul programma della manifestazione consultare il sito del Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole.

2-4 settembre

PREDAPPIO: I TRE GIORNI DEL SANGIOVESE

Da venerdì 2 a domenica 4 settembre 2016 a Predappio si svolgerà la manifestazione “I tre giorni del Sangiovese”, un appuntamento ormai classico all’insegna del bere bene, con i vini dell’Associazione per la promozione del Sangiovese di Predappio, con concerti di musica jazz, classica e popolare, stand gastronomici e prelibatezze regionali.

Per informazioni sul programma della manifestazione consultare il sito del Comune di Predappio.

2-4 settembre

FORLIMPOPOLI: TERZA EDIZIONE DI COMICSPOPOLI

Da venerdì 2 a domenica 4 settembre 2016, nel centro storico di Forlimpopoli, si svolgerà la terza edizione di Comicspopoli – Cosplay e Games, con numerose iniziative e ospiti: dall’angolo dell’Oriente all’area Steampunk, dal mondo di Tolkien al mondo del lupo tra realtà e fantasia, workshop, lezioni di cucina, gare di cosplay… Per il programma completo consultare il sito del Comune di Forlimpopoli.

Venerdì Ingresso gratuito. Sabato e domenica a pagamento.

3 settembre

BERTINORO: CONFERIMENTO PREMIO “GIOVANNI GATTI”

Sabato 3 settembre 2016, alle ore 16.30, presso il Centro Residenziale Universitario, Chiesa di San Silvestro, piazza Novelli, Bertinoro, si terrà la cerimonia di conferimento del Premio “Giovanni Gatti” alla Casa della Carità di Bertinoro. Un gesto che la locale municipalità e l’Accademia dei Benigni hanno convenuto di fare non solo per la testimonianza di fraterna accoglienza, di spirito di servizio e di rispetto della persona che la Casa della Carità rappresenta, ma anche per ricordare con profondo affetto e riconoscenza il suo fondatore don Luigi Pazzi, improvvisamente scomparso nell’autunno scorso, lasciando un grande vuoto.

Partecipazione libera. Per informazioni 0543469213 – 053469290.

5 settembre

FORLÌ: I VICINI SCOMODI

Lunedì 5 settembre 2016, alle ore 21.15, in piazza Saffi, Forlì, la Compagnia Teatro delle Forchette metterà in scena “I vicini scomodi”, dall’omonimo romanzo di Roberto Matatia, adattamento e regia Giuseppe Verrelli.

Nissim Matatia è un giovane, intraprendente ebreo greco nativo di Corfù. Ai primi del Novecento lascia il suo Paese alla volta dell’Italia. Si stabilisce a Forlì dove apre una pellicceria nell’attuale Piazza Saffi che, in pochi anni, diviene un negozio apprezzato e ben frequentato. Nissim è sposato con Matilde Hakim, correligionaria originaria di Smirne. Dal matrimonio nascono tre figli: Beniamino, detto Nino, Camelia e Roberto. La famiglia trascorre estati spensierate a Riccione, dove nel 1930 Nissim ha acquistato una graziosa villetta in mattoni rossi, in fondo a viale Ceccarini, con un bel giardino che giunge quasi fino alla spiaggia. Tutto sembra andare per il meglio: l’attività prospera, diversi gerarchi fascisti sono legati ai Matatia da rapporti commerciali e di consuetudine, le loro mogli frequentano il negozio, il giro delle amicizie è costituito da persone importanti. Nel frattempo la casa posta proprio di fronte all’abitazione dei Matatia, già chiamata Villa Margherita, diviene proprietà nientemeno che di Benito Mussolini. Nel frattempo il legame tra Mussolini e Hitler si è fatto sempre più stretto. Quando nel 1938 vengono promulgate dal regime fascista le leggi razziali, i Matatia diventano “I vicini scomodi).

Partecipazione libera.

8 settembre

FORLÌ: FESTIVAL DELLA MUSICA GIOVANE DEL MEDITERRANEO

Giovedì 8 settembre 2016, alle ore 21.00, presso la Sala Sangiorgi, corso Garibaldi 98, Forlì, in occasione del Festival della musica giovane del Mediterraneo, si svolgerà il primo concerto dei solisti e dei cameristi del Festival.

Ingresso libero. Per informazioni 331 8373728.

8-11 settembre

CERVIA: SAPORE DI SALE 2016

Da giovedì 8 a domenica 11 settembre si svolgerà a Cervia la ventesima edizione di Sapore di Sale, festa che ogni anno ricorda la rimessa del sale (in dialetto romagnolo cervese “Armesa de Sel”) che per secoli ha segnato la vita della città e trae origine dai festeggiamenti che i salinari allestivano al termine della dura stagione di lavoro, nel mese di settembre.

Era un momento di gioia collettiva che vedeva i lavoratori delle saline con le loro famiglie protagonisti assoluti. Lunghe file di burchielle, le imbarcazioni a fondo piatto utilizzate per il trasporto del sale, si muovevano dalle saline fino ai magazzini e qui sostavano per il controllo e lo stoccaggio della preziosissima merce, chiamata infatti “oro bianco”. Anche quest’anno si svolgerà la rievocazione storica dell’Armesa de Sel nell’ambito del programma della manifestazione “Sapore di Sale” che per quattro giorni caratterizzerà il centro storico di Cervia.

Il programma completo si può consultare sul sito del Comune di Cervia. Per informazioni 0544 72424 – 0544 974400 –

9 settembre

FORLÌ: FESTIVAL DELLA MUSICA GIOVANE DEL MEDITERRANEO

Venerdì 9 settembre 2016, alle ore 21.00, presso la Sala Sangiorgi, corso Garibaldi 98, Forlì, in occasione del Festival della musica giovane del Mediterraneo, si svolgerà il secondo concerto dei solisti e cameristi del Festival.

Ingresso libero. Per informazioni 331 8373728.

10 settembre

POLENTA DI BERTINORO: RADUNO CARDUCCIANO

Sabato 10 settembre 2016, alle ore 16.15, nell’area attigua alla Pieve di Polenta di Bertinoro, si svolgerà il tradizionale Raduno Carducciano giunto alla centunesima edizione.

Oratore ufficiale del raduno sarà Matteo Pedroni, docente dell’Università di Losanna. Dirà l’ode “La Chiesa di Polenta” Giovanni Brigliadori. In caso di maltempo l’iniziativa si svolgerà all’interno della Pieve.

Al termine del raduno, al Castello dei da Polenta, al rintocco dell’antica campana della Comunità polentana tradizionale merenda agreste.

Partecipazione libera.

10 settembre

DOVADOLA: SERATA A FAVORE DELL’HOSPICE

Sabato 10 settembre 2016, con inizio alle ore 19.30, presso piazza Berlinguer a Dovadola, si svolgerà una serata dal titolo “Dovadola per l’Hospice”, un’iniziativa promossa congiuntamente dall’Associazione Amici dell’Hospice, dalla Protezione Civile e dalla Pro Loco del paese, dall’Azienda pubblica di Servizi alla persona del Forlivese, con la collaborazione dell’Associazione Genitori, i Cinghialai di San Ruffillo, FC Real Dovadola, Avis, Hystoric Valmontone, A.S.D. Dovadolese (ciclisti).

Il programma dell’evento, che gode del patrocinio del Comune di Dovadola è della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna, prevede, a partire dalle ore 19.30, una cena a base di pesce (insalata di mare, gnocchetti pesto e gamberetti, gran fritto con contorno) con il sottofondo musicale di ritmi sound brasiliani proposti dal gruppo “Matitapereira”. Alle ore 21.00 è in programma una sfilata di moda di abiti da sera (stilista Cristina-Stile) e di borse, frutto della creatività di Fashion Milena.

Il ricavato della manifestazione, alla quale interverranno Marco Maltoni, direttore dell’Unità Cure Palliative dell’Ausl Romagna, sede di Forlì, e Gab Zelli, sindaco di Dovadola, sarà devoluto all’Associazione Amici dell’Hospice, per sostenere i progetti di assistenza e cura a favore dei malati e dei loro familiari.

Per informazioni 349 3737026.

11 settembre

TERRA DEL SOLE: VISITE GUIDATE

Domenica 11 settembre 2016, alle ore 14.30 e alle ore 16.30, con ritrovo presso la Porta Fiorentina di Terra del Sole, prenderanno il via due visite guidate, condotte da Benedetta Orlati, per scoprire e “riscoprire” la storia, l’architettura, i segreti della città fortezza di Terra del Sole, antica capitale della Provincia della Romagna Toscana. Porte, bastioni, borghi, palazzi, stemmi, saranno lo scenario di una visita insolita e piena di curiosità.

Partecipazione a pagamento: 5 euro a persona, gratuito per i minori di 6 anni.

Per informazioni 328 3828798 – benedettaorlati@gmail.com

11 settembre

FAENZA: STORIE IN TAVOLA

Domenica 11 settembre 2016, alle ore 20.00, presso il Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza, via S. Maria dell’Angelo 9, per celebrare la conclusione della mostra “Stili di vita attraverso la ceramica, la Compagnia delle Feste proporrà “Storie in tavola”, una cena spettacolo legata agli stili di vita nella storia.

Tre racconti favolosi e divertenti scritti da Tiziana Asinelli su ispirazione delle portate proposte in menù. La cena sarà preceduta, alle ore 18.30, da una visita guidata alla mostra. Visita guidata, cena con bevande incluse e spettacolo: 32 euro. È necessario prenotare entro il 4 settembre, indicando se si è vegetariani. Per informazioni 0546697311 – info@micfaenza.org

11 settembre

FORLÌ: FESTIVAL DELLA MUSICA GIOVANE DEL MEDITERRANEO

Domenica 11 settembre 2016, alle ore 21.00, presso l’ex Chiesa di San Giacomo, piazza Guido da Montefeltro, Forlì, in occasione del Festival della Musica Giovane del Mediterraneo, si terrà il concerto finale della manifestazione.

L’Orchestra Giovanile Paneuropea formata da giovani musicisti provenienti da Italia, Kosovo, Albania, Montenegro, Serbia, Slovenia, Macedonia, Spagna, diretta da Igor Buscherini e accompagnata al pianoforte da Bimi Milla, eseguirà musiche di Wolfgang Amadeus Mozart.

Ingresso libero. Per informazioni 331 8373728.

24 settembre

FORLÌ: NESSUNO OSI FERMARE L’ACQUA

Quando il Canale di Ravaldino ?determinava la storia di Forlì.

Con ritrovo in piazzale Ravaldino alle ore 10.30 e arrivo in piazza Saffi alle ore 12.00, si terrà una

visita guidata con cenni storici e aneddoti, a cura di Marco Viroli e Gabriele Zelli, lungo il tracciato cittadino del canale che va da Porta Ravaldino a Piazza Saffi.

24 settembre

FORLÌ: VISITA-CONFERENZA NEL NOVANTESIMO DALLA SCOMPARSA DI ANGELO MASINI

Sabato 24 settembre si terrà a Forlì una conferenza itinerante nei luoghi di Angelo Masini con incursioni musicali degli studenti dell’Istituto Musicale Masini (ore 16.00 – 18.00).

Punto di ritrovo in via Carlo Cattaneo n. 18, Forli, alle ore 16.00.

Itinerario:

Via Carlo Cattaneo – casa natale di Angelo Masini

Palazzo Sangiorgi – sede dell’Istituto Musicale

Museo Romagnolo del Teatro – Palazzo Gaddi

Piazzetta della Misura – Teatro di Forlì

Pizza Aurelio Saffi – Monumento

Corso della Repubblica – Palazzo Masini

Relatori: Marco Viroli e Gabriele Zelli